I paramorfismi: cifosi e palestra


L’obiettivo principale in sala attrezzi è ottenere un corpo armonioso e simmetrico in tutte le sue componenti, raggiungendo un certo equilibrio tra i vari distretti muscolari.

Per ottenere ciò è fondamentale stimolare tutta la muscolatura in modo uniforme ed in base alle proprie caratteristiche morfologiche.

A volte, sfortunatamente, occorre privilegiare alcune aree muscolari rispetto ad altre per contrastare evidenti deficit o limitare alcune alterazioni della colonna vertebrale.

Atteggiamenti, posizione, posture scorrette, vita sedentaria, possono determinare uno squilibrio muscolare e favorire un adattamento delle ossa della schiena.

Si definisce paramorfismo un adeguamento delle fisiologiche curve della colonna in assenza, però, di vere e proprie alterazioni vertebrali;

Si definisce, invece, dismorfismo una deviazione vera e propria della colonna vertebrale.

Ovvio che in presenza di un dismorfismo è doveroso l’intervento di medici e tecnici specializzati; ma se la questione riguarda modificazioni lievi della postura, dovuti  a posizione inconsuete o debolezza di alcuni gruppi muscolare, ecco allora che l’operatore della palestra può intervenire quantomeno a livello precauzionale (preventivo) e cmq, di fatto, per  non peggiorare la situazione, con l’obiettivo di migliorare la condizione a lungo termine.

I casi più comuni in palestra sono l’ipercifosi e l’iperlordosi.

Oggi ci concentriamo sull’ipercifosi con il suo classico atteggiamento di spalle e dorso curvo in avanti molto comune oggigiorno; può essere causato da una carenza di movimento, da posizioni di studio o lavoro scorrette, dalla debolezza o ipertonicità di alcuni muscoli, dalla pratica di alcune discipline sportive, ecc ecc.

Premessa indispensabile è la conoscenza da parte dell’istruttore di sala pesi dell’origine, inserzione e azione dei gruppi muscolari interessati e le relative leggi sulla contrazione muscolare.

L’obiettivo è  ottenere una minor trazione da parte dei muscoli intrarotatori a livello scapolo-omerale  che favoriscono la chiusura in avanti,  attraverso un lavoro di allungamento muscolare e di stretching, permettendo cosi  ai muscoli extrarotatori omerali, lavorati in accorciamento, di tirare indietro le spalle ed il dorso, ed ottenere una postura più rettilinea ed elegante.

Si eserciteranno i muscoli extrarotatori dell’omero e adduttori delle scapole come il trapezio( fasci medi), sovraspinoso, sottospinoso, piccolo rotondo, capo lungo del tricipite e deltoide posteriore,  utilizzando esercizi come le croci a 90°, gli shrugs, il pulley a presa larga al torace, estensioni del braccio al cavo alto, extrarotazione dell’omero con manubri e cavi, con una esecuzione in allungamento incompleto e contrazione completa.

Parallelamente andremo ad agire e quindi ad allungare i muscoli intrarotatori dell’omero come il gran dorsale, gran pettorale, deltoide anteriore, capo lungo del bicipite, grande rotondo, sottoscapolare utilizzando esercizi come le croci piane, panca piana con bilanciere a presa larga verso la gola, lat machine dietro, pullover, curl manubri panca inclinata con una esecuzione in allungamento completo e contrazione completa.

Simultaneamente a questa azione di condizionamento muscolare sarà affiancato un regolare e costante lavoro di stretching a livello globale, che vada ad interessare intere catene muscolare e non singoli distretti del corpo.

Quando si entra in una palestra sarebbe doveroso effettuare quantomeno una piccola anamnesi posturale e capire le proprie caratteristiche morfologiche; spesso la mancanza di risultati e quindi l’abbandono dell’attività sono causati da programmi non adatti alle propria fisionomia.

La presenza di uno squilibrio, sproporzione e disarmonia muscolare possono causare atteggiamenti e adattamenti che influenzano la propria capacità di sviluppare forza ed un regolare accrescimento muscolare, andando oltretutto ad influenzare negativamente l’esecuzione degli esercizi senonchè  la sicurezza del gesto stesso.

Come sempre a voi la scelta, ma attenzione, affidatevi sempre a personale serio e competente.