Bevande Idrosaline

Nel praticare attività fisica, gli sportivi devono mantenere l’organismo in condizioni  di perfetta idratazione, onde evitare cali di prestazione o malessere.

Basti pensare che una disidratazione del 3% porta a cali di performance anche del 10%.

Il movimento aumento la spesa energetica e  produzione di sudore; qualsiasi perdita di liquido và reintegrata opportunamente.

L’assunzione di bevande prima, durante e dopo la pratica sportiva riduce gli effetti negativi della disidratazione, prevenendo la fatica.

L’acqua è sicuramente il miglior alleato del nostro corpo ma anche drink idrosalini sono  validi strumenti per reidratare l'organismo, soprattutto in caso di attività svolte a  temperature elevate, dove un eccesso  di sudorazione può causare  notevoli perdite di fluidi.

Bevande contenenti carboidrati aiutano a mantenere stabili il livello di glicemia e aumentano la disponibilità di energia per il lavoro muscolare, soprattutto in caso di attività di resistenza.

E’ opportuno osservare che l’uso di bevande con zuccheri, vitamine e minerali deve essere valutato con attenzione, in quanto elevate concentrazioni di carboidrati rallentano lo svuotamento gastrico e ritardano l’idratazione.

In base alla concentrazioni di sali e zuccheri è possibile dividere le bevande in 3 categorie:

Bevande isotoniche: dove la concentrazione di sali e zuccheri è simile a quella del plasma, passano velocemente lo stomaco e vengono assorbite nell’intestino.(prima e durante la pratica sportiva)
Bevande ipertoniche: la concentrazione è più alta rispetto al plasma e vengono assimilate più lentamente.(dopo la gara o l’allenamento)
Bevande ipotoniche: la loro concentrazione è più bassa rispetto al plasma e vengono assimilate velocemente; contengono poco calorie e idratano velocemente.(poco prima o durante l’allenamento)

Una bevanda ideale è costituita da una soluzione di zuccheri al 5-8%.

Diverse condizioni climatiche possono consigliare scelte diverse: a temperature alte ed intensa sudorazione è raccomandato liquidi poco concentrati (5%), mentre a temperature basse, dove il problema dell’ idratazione è meno accentuato, sono suggerite bevande con una concentrazione anche del 15%.

A voi la scelta.