DONNE E PESI


Uno dei falsi miti più diffusi nel mondo delle palestre è la paura delle donne che l’allenamento con i pesi ,soprattutto manubri e bilancieri, possa provocare un eccessivo sviluppo della massa muscolare .

L’utenza femminile, spesso per ottenere  dimagrimento e/o tonificazione si sottopone a diete restrittive, lunghe sedute di attività aerobica, serie infinite di esercizi .

Ciò può provocare una perdita di massa muscolare, con conseguente diminuzione del metabolismo basale e  un aspetto fisico ipotonico.

L’allenamento con i pesi provoca modificazioni sia nell’uomo che nella donna: aumento della forza, diminuzione massa grassa ,aumento massa magra , modificazioni dei tessuti, aumento del metabolismo , aumento fabbisogno calorico, diminuzione e prevenzioni di traumi, ecc. ecc.

E' evidente che un lavoro muscolare è accompagnato da un aumento di dimensioni delle fibre ma è bene sottolineare che per ottenere risultati vistosi è necessario l’abbinamento di allenamento, alimentazione, integrazione e recupero adeguati, e soprattutto tanta costanza; le sedute di allenamento che normalmente esegue l’utenza femminile non può provocare un grande aumento del volume muscolare.

Numerosi studi confermano che nella donna l’allenamento con sovraccarichi comporta, si , aumento di forza , ma senza causare una marcata ipertrofia dei muscoli; questo è dato dal basso livello di testosterone(ormone anabolizzante) presente nella donna rispetto all’uomo.

L’allenamento dei pesi porta benefici evidenti non solo a livello estetico con un miglioramento della silhouette ma è utile a migliorare gli squilibri muscolari, la postura, e a favorire adattamenti a livello metabolico.

Care "donne", nel vostro programma di allenamento è bene inserire esercitazioni specifiche con i pesi da alternare a fasi di allenamento cardiovascolare, in modo da ottenere risultati migliori rispetto alla classica seduta di aerobica.